Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/297

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


la vostra grazia a mio padre, e l'otterrò; ma uscite; uscite, se vi è cara la vita.

— Ah, ah! bene, in fede mia, questo è parlar da padrona! — replicò il

Sangonetto, ghignando. — La mia grazia! Voi mi vendete il sol di luglio, mia bella ritrosa. La vostra mi preme, e l'avrò, per amore, o per forza; m'intendete? o per amore o per forza! Do la mia parte di paradiso per voi. Siete mia, per dritto di guerra; non vi pensate di sfuggire la taglia. Vi par dura? Avete il torto. Un po' per uno a comandare; questa è l'uguaglianza. Eravamo noi i vassalli, noi i censuarii, soggetti a tributo, noi le mani morte, taglieggiabili a misericordia. Ora tutto è cangiato. Non ci son più signori. Repubblica, mi capite? Comanda la repubblica di Genova e noi siamo i suoi mandatari, ci vendichiamo, occhio per occhio e dente per dente. Vi siete goduti per secoli e secoli ogni maniera di privilegi e diritti; parecchi di questi, assai ghiotti pe' vostri padri e mariti. Vivaddio, ne useremo un po' noi... E non c'è strilli che tengano! —

Nicolosina trovò nella sue braccia una forza di cui in ogni altra occasione non si sarebbe creduta capace. Tanto può in gentil cuore l'alterezza offesa e il ribrezzo che un tocco d'impure mani gl'inspira. E non pure si sciolse da quel braccio che aveva ardito posarsi su lei, ma colla veemenza d'un assalto improvviso fe' dare indietro e barcollare un tratto l'insolente ribaldo.

— Ah sì? — sclamò egli, facendosi pavonazzo dalla rabbia e fischiando

le parole come un serpente il suo verso. — Dobbiam fare la guerra? Facciamola! Tu cederai, smancerosa, ingannatrice lusinghiera,