Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 109 —


— Ma che furia è la vostra? Rallentate il passo, vi prego. —

Quella voce mi scosse, mi rimescolò il sangue per tutte le vene. Diedi un sobbalzo e mi volsi. Dei immortali! Era lei, la mia compagna di viaggio, scesa a terra subito dopo di me.

Io ero rimasto attonito, quasi istupidito, a guardarla, e certo avrei fatto trasecolare il guardiano, se m’avesse veduto di fronte, come avevo fatto dar ne’ lumi il capostazione. Ella mi venne prontamente in aiuto.

— Prendete qua; tenete la mia valigia, che io possa rassettarmi la veste. Vedete che grinze! —

E sorrideva, così dicendo, e arrossiva, e chinava gli occhi sul lembo della veste, per non avermi a guardare.

— O come? — balbettai io, che non sapevo trovarci il verso. — Scendete?