Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 110 —


— Anzi, son bell’e scesa.

— Volevo dire.... perchè?

— Oh bella! — esclamò. — Me lo chiedete? Andiamo, via; date il mio biglietto insieme col vostro. —

Obbedii macchinalmente, passando dopo di lei davanti al guardiano.

— Ma infine, signora.... Non dovevate proseguire fino a Bologna?

— Come voi; — rispose ella, arrossendo da capo.

— Ma io.... ho qualche faccenda, qui, da sbrigare. E voi, signora.... ch’io sappia....

— Sapete poco, diffatti, — notò ella con un certo accento sdegnosetto, che mi fece battere il cuore, come avrebbe fatto la più soave inflessione di voce. — E in che stima mi tenete voi dunque? Voi qui ad arrischiare la vita per me, ed io me n’andrei oltre, al mio destino, come se nulla fosse? Signor mio,