Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 133 —


tento della scelta fatta da lei? O della malizia con cui pareva aver penetrati i miei disegni, innanzi che io medesimo mi accorgessi di averne alcuno? O della sua serenità, del suo umore giocondo, mentre io ero preoccupato e malinconico, siccome è debito d’ogni innamorato nel primo stadio del suo male? Non lo so; ci doveva essere un pochino di tutte queste cose, nella mia aria imbronciata.

Ora, in quella che andavo innanzi, chiuso in quella musoneria, che è la più sciocca e la meno utile tra le forme esteriori dell’animo, sentii una mano entrare sotto il mio braccio, lì presso alla piegatura del gomito, e dopo la mano un braccio morbido, che, scorrendomi contro il costato, mi diede come una scossa elettrica dal capo alle piante.

— Siete in collera? — mi disse una voce argentina.

— Nossignora, — risposi; — pensavo.