Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 134 —


— E a che?

— A un dilemma. O voi, con ciò che avete fatto, pensavate una cosa, od un’altra. Nel primo caso, ne sarei proprio offeso nella mia lealtà; nel secondo, sarei l’uomo più felice della terra.

— Bene! e chi vi proibisce di credere nel secondo?

— Signora mia, dice il proverbio: pensa la peggio, e l’indovinerai.

— Lasciate da banda i proverbi. Cè n’è per tutti gli umori. Pensiamo al meglio; il peggio s’ha a veder poi. Dopo tutto, — soggiunse, dandomi una stratta leggiera al braccio, con una dimestichezza che mi andò proprio all’anima, — non c’è secondi fini in quello che ho fatto. Non amo il vostro Nettuno, io!

— E perchè?

— Me lo dimandate? Un albergo rustico,