Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 150 —


— Sì, ma il conte lo affitta qualche volta. Quest’anno, per altro, non c’è venuto nessuno. Che volete? Il paese è povero, fuori di mano, e i forestieri che cosa ci verrebbero a fare? —

Intanto eravamo entrati. Il vestibolo, o sala terrena, che doveva servire a molti usi, come dinotavano le più svariate sorte di masserizie, era in buonissimo assetto e dimostrava che la padrona di casa era una donnina di buon governo. Il poco rame della cucina, appeso alla parete di fondo, era lucente come uno specchio; il vasellame di maiolica, disposto in bell’ordine sulla rastrelliera fermata al muro, invitava ad aver confidenza colle stoviglie di casa. Unico ingombro, che la contadina, appena entrata colà, fu sollecita a levare di mezzo, era un tagliere con suvvi qualche rimasuglio di polenta, testimonianza della frugalissima co-