Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/214

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 206 —


tellandomi sulle braccia, mentre ero già tutto fuori colla persona. — Lasciatevelo dire all’orecchio. Ho paura che l’aria lo senta e i grilli cantaiouli si piglino spasso di me. —

Ella si accostò, con moto involontario, e ansante, commossa, mi porse l’orecchio.

— Vado, — le bisbigliai, — a dormire laggiù, sull’erba del prato. Non posso già passar dalla scala, per farmi sentire dalla Rosa. Che penserebbe ella di noi? Riposate tranquillamente, vi prego. Addio, bella! a domattina!

— Ah, grazie! — mormorò ella, palpitante di gioia. — Siete un gentiluomo.

— Così tardi mi conoscete? Io vi avevo conosciuta assai prima.

— È vero; — rispose, chinando la testa in atto di confusione; — ho torto. Mi perdonate? —