Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/234

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 226 —


rose. E gli è così che, amando, vediamo ogni cosa risplendere in luce d’amore.

— Poeta! — esclamò ella, sorridendo.

— Poeta, artefice! — ripigliai. — Qui non è vanità di fantasia; non è sogno che si segua colla mente, senza poterlo afferrare. Dite che mi avete inteso; dite che la pensate a modo mio, ed entriamo di balzo nell’incantesimo; il sogno diventa realtà. Di grazia, come vi ho io incontrata? Non eravate voi tutta sola in viaggio? Vi si aspetta in qualche luogo, direte; e sia: ma non potreste tardare? Un caso, il più semplice caso non può fare ostacolo al più saldo proposito? E perchè non si aiuterebbe il caso? O perchè non accetteremmo altri mutamenti di consiglio che dal caso? Non è possibile una invenzione? Mentire, risponderete, mentire! Ma non avete mai fatto dire dai vostri servi che non eravate in casa? E allora non si