Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 280 —


guizzare un altro mondo d’erbe e d’animali, su d’un letto di ghiaia.

Quanti arcani della sua vita non ci dischiuse la natura, antica e sempre bella maestra di meraviglie! Ci fermavamo sulle ali d’una farfalla, o sui petali d’un fiore, come se avessimo l’eternità davanti a noi. Ma da quelle foglioline sottilmente venate, da que’ diafani tessuti che riflettevano tutti i colori dell’iride, ci volgevamo a guardarci negli occhi, a nutrirci di noi, come se dovesse esser quello l’ultimo istante della nostra vita felice.

Ella era poi amantissima delle arti belle, e, senza intendersi molto di precetti e di formole, che il più delle volte celano l’ignoranza e la povertà dei concetti, sentiva profondamente le ragioni del bello. Desideroso di piacerle, io avevo proposto di fare una gita artistica a Roma.

— Dev’esser bella, Roma, — le dicevo, —