Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 28 —


ma già, son fatto così e non c’è verso di cambiarmi. Tutte le prepotenze m’hanno sempre dato sui nervi, e quella del finto inglese, che accennava a voler entrar terzo in un ammezzato dove ci si va per esser soli, e due che non si conoscano l’un l’altro ci sono già in troppi, mi pareva una prepotenza di prima qualità, prepotenza singolare, prepotenza unica, e tale da non doversi comportare in nessun modo, niente affatto poi là, sotto gli occhi d’una donna.

— Signore, — gli dissi adunque, facendo il viso arcigno e la voce severa, — c’è pieno.... per Lei.

— Che? come? — tartagliò il messere, colto alla sprovveduta. — Ci sono due posti vuoti.... l’ammezzato è per quattro, e vo’ vedere....

— Non vedrà niente e scenderà di qui, o per l’anima mia....