Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 73 —


discesa di capre, sotto cui sparve senz’altro la criniera della cavalla di Faraone.

— Non mi far spreco di bestie lanute; — gli dissi. — Ci hai ancora i denti da farle. «I tuoi denti sono come una mandra di pecore tutte eguali che salgono fuori del lavatoio». —

E giù pecore, che sporgevano il muso di sotto alla froge della povera bestia.

— Benissimo; — ripigliai. — Ora alle labbra. «Le tue labbra somigliano un filo tinto di scarlatto.» —

Qui l’amico dipinse addirittura un’accia di refe.

— «La tua tempia — (seguitai) — pare un pezzo di melagrana.» —

E addio cervice della puledra, per dar luogo a un reticolato di granelli rossi e vinosi, spartiti in più luoghi da una pellicola gialla, come si vede per l’appunto nelle melagrane spaccate.