Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.1, Milano, Treves, 1906.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 9 —

derci sventurati, in un mondo già fatto, anzi così mal fatto come ognun vede. Rigo Salvani, andando molto diritto sulla via del dovere, seguendo il bene e propugnandolo in ogni occasione, aveva avuto di molte amarezze, perfino nella ristretta cerchia de’ suoi amici e compagni di lavoro. In politica il cuore è un viscere inutile, spesso anche dannoso; ed egli era così venuto, per una lunga trafila di disinganni, a disdegnare il genere umano, con tutta la migliore intenzione che aveva di amarlo.

In assai giovine età Rigo Salvani aveva preso a congiurare, ed era uno dei più animosi soldati di quella falange sacra, decimata prima dai patiboli di tutti quanti i governi della penisola, poscia dai campi di battaglia, e schernita più tardi da una generazione di sconoscenti, i quali si figurano di aver fatta essi la patria, perchè hanno comperato cartelle del debito pubblico molto sotto alla pari, o perchè hanno messo mano in laute imprese industriali. Ai tempi di Rigo Salvani l’amor di patria non fruttava nulla in quattrini; e neanche in onori, salvo alle volte il cordone dell’ordine riverito di mastro Impicca.

Ma lasciamo da parte queste malinconie. A Bologna, in una di quelle spedizioni di carbonaro, o giù di lì, Rigo Salvani si era invaghito di una nobilissima donna, e l’aveva fatta sua, nè parve che quelle nozze scemassero l’audacia e la costanza del congiurato. Profondamente innamorata di lui, animosa e paziente, Luisa Salvani fu una forza nuova, non già un ostacolo ai propositi dell’intrepido uomo.

Il primo processo lo trovò padre d’un figliuoletto, e la dolcezza degli affetti domestici fu turbata poi dall’esilio. La sua Luisa rimase sola, sposa e vedova ad un tempo, senz’altra consolazione che quella creaturina, di cui ella doveva custodir l’esistenza, innanzi di poterla educare ai nobili esempi paterni.

Così visse Lorenzo Salvani dal 1832 fino al ’47, sempre accanto a sua madre, e non vedendo suo padre se non rarissime volte, allorquando l’esule interrompeva i suoi sconsolati viaggi per venire a salutar di soppiatto la moglie e fuggirsene da capo innanzi che la polizia avesse sentore della sua presenza: mesti ritorni e meste dipartite, che poi risplendevano come altrettanti fari luminosi sul mare tenebroso della sua vita raminga.

Nè più riposato per lui fu il tempo succeduto all’esilio; perchè, ritornato del ’47 in Italia, Rigo Salvani partecipò ai moti di Genova, che dovevano finire con la promulgazione