Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 164 —


Il primo sguardo del gobbo fu pel biglietto; ma non lo vide, per quanto girasse gli occhi tutto all’intorno. Allora egli si fece a sollevare la giovinetta da terra, mettendole rispettosamente un braccio sotto le spalle, e tentando di ricondurla, senza brancicarla di troppo, al sedile. Tra tutt’e due ne vennero a capo, e già mastro Pasquale incominciava a respirare, pesando che la fanciulla avesse avuto tempo a nascondere in tasca il foglietto, allorquando vide la monaca chinarsi a terra e metter la mano su d’un batuffolo di carta che era uscito in quel punto dalle dita di Maria.

— Che negozio è questo? — esclamò la Madre Maddalena, in quella che spiegava sollecitamente quel foglio tra mani.

Mastro Pasquale fece le viste di non avere udito; ma mentre si adoperava a collocare in miglior modo la fanciulla sul sedile, notò che la monaca leggeva lo scritto, inarcando le sopracciglia e battendo le labbra in segno di corruccio.

— Gesummaria! — gridò la monaca, appena ebbe finito. — Vo a chiamar la madre badessa.

— E le dica che porti dell’acqua! — aggiunse Pasquale, che non sapeva più in che acque si fosse.

La vecchia monaca non gli badò più che tanto, e andò più speditamente che non fosse suo costume verso l’uscio dell’orto, dove si messe a strepitare come un’ossessa, chiamando la superiora, il capitolo, le, converse, la comunità tutta quanta.

Pollione, il malcapitato proconsole delle Gallie, quantunque scombussolato dalle furie di Norma e dalle sue minacce contro la povera Adalgisa, fu molto più saldo ai tre colpi percossi sul sacro disco dalla gran sacerdotessa d’Irminsul, che non fosse mastro Pasquale all’udire quell’altra druidessa che suonava a stormo sul ballatoio.

— Diamine! — borbottò egli tra’ denti. — La frittata è fatta, e mi toccherà mandarla giù senza vino. Purchè, quelle befane non mi cavino gli occhi!... Ahi, ahi! eccone già due.... tre.... quattro.... Sbucano dalle quinte come le streghe in teatro. —

In nostro gobbo, chi nol sapesse, aveva speso i suoi cinquanta centesimi per andare tra la gente alta, in un teatro di second’ordine, a vedere il Maccabeo, com’egli diceva, storpiando popolescamente il titolo d’un melodramma verdiano.

Frattanto, insieme collo stuolo delle monache, giunse una conversa (quella ch’egli chiamava riverentemente la madre