Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Templario, e detta la ragione di certe altre che sono passate dianzi sotto gli occhi dei lettori benevoli.

Qual parte avessero avuta i Templarii nel discoprimento di quella macchinazione infernale, è noto. L’ascoso nemico era stato rintracciato e scovato dal Giuliani, posto in sull’avviso dalle confessioni di Michele. Il Garasso, l’anello di congiunzione tra casa Salvani e i suoi coperti assalitori, era stato costretto a parlare, in quel modo che tutti sanno, a spifferare il nome di Bonaventura Gallegos, del fiero gesuita, del degno maestro del dottor Collini. La cassettina d’ebano, innanzi che fosse involata, avea detto per fortuna i suoi segreti a Lorenzo; e se non s’intendeva ancora per bene che importanza potesse avere agli occhi del capitano dei neri, già s’era capito che doveva averne, e non poca. Bonaventura ignorava che quella cassettina fosse stata aperta; che anzi le confidenze fatte al Bello dall’imprudente Michele, gli facevano argomentare che nè Lorenzo, nè altri, ci avesse posto ancor gli occhi. Ora, non pure Lorenzo, ma con esso lui Aloise di Montalto, l’Assereto e il Giuliani, erano a parte del segreto, e poterono cavarne quanto bastava per venire in aiuto alla sventurata Maria.

L’amicizia dell’Assereto e del Giuliani aveva procacciato a Lorenzo e ad Aloise, involti ambedue nelle trame dei neri, l’alleanza dei Templarii. Tutti quei rossi, d’ogni levatura e d’ogni ceto, avevano fatto causa comune; ma il carico delle operazioni molteplici, l’ardua malleveria del combattimento, strategìa, tattica, logistica, stato maggiore, armi dotte, tutto perfino l’intendenza militare, era sulle spalle d’un solo. Il marchese di Montalto, dopo aver detto agli amici quello che aveva risaputo a caso dai Torre Vivaldi intorno alla nuova ospite del monastero di San Silvestro, era stato tratto dai suoi fati sulle orme della marchesa Ginevra; l’aveva seguita da Genova a Parigi, da Parigi a Vienna, a Monaco, in Isvizzera, stazioni tutte d’un viaggio che lo conduceva speditamente in rovina. Questo è come dire ai lettori che l’innamorato Aloise non era un aiuto pe’ suoi alleati, e, già presso al naufragio, doveva aver bisogno di aiuto egli stesso. L’Assereto aveva già fatto abbastanza, mettendo ogni cosa in mano ai Templarii; del resto, costretto a guadagnarsi il pane in piazza de’ Banchi e sulle calate del porto, poco poteva aiutare gli amici, e rade volte andare alla Montalda, per salutare il Salvani. Nè questi, pel negozio della congiura, poteva muoversi dal suo nascondiglio; lo avesse anche potuto e voluto, la sua infermità non glielo avrebbe più consentito. C’era il