Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 15 —


— Ben detto! ha ragione il comandante! — soggiunsero molte voci.

— Ma, io dico.... — balbettava Geremia. — Io dico che l’uomo....

— È ubbriaco! — proseguì un altro, daccanto al beone, dandogli sulla voce.

— Ubbriaco io? io che ho bevuto appena tre bicchieri di vino?

— Bevine un quarto, — interruppe il Martini, — e falla finita. Se ti garba, potrai andar sulla paglia, a tener compagnia al Tarlati, che russa come un contrabasso. —

In quel mentre si udì picchiare all’uscio. Il Martini andò ad aprire, colle solite cautele. Erano altri cinque che giungevano al ritrovo.

— Trentuno! — disse il tenente. — Vuol forse Ella che io vada a dare un’occhiata agli altri, nella cantina di rimpetto?

— Sì, da bravo. Martini, andate! —

E ciò detto, Lorenzo si diede a passeggiar per la camera, dopo aver accettato dalle mani di uno della brigata un bicchiere di vino, del quale non bevve altro che un sorso. Poco stante, fu di ritorno il tenente.

— Orbene?

— Ventiquattro laggiù, e con questi trentuno, cinquantacinque in tutto.

L’animo di Lorenzo s’era già acconciato a questa mala sorte; epperò il giovane comandante non si fermò a fare altre malinconiche considerazioni sulla scarsezza del numero. Entrato in una cameretta attigua, insieme col Martini e col Fresia, chiamò i sott’ufficiali presenti all’appello, per far la nota dei congregati e dividere, come si poteva la meglio, le squadre. Erano smilzi manipoli, ma bisognava contentarsi. Quanto agli uomini che ancora potevano giungere innanzi l’ora della mischia, Lorenzo comandò che dovessero entrare nelle squadre meno numerose.

Non dissimilmente si adoperò nella casa dirimpetto, dov’erano uffiziali il Nava e il Doberti. Intanto, i seduti a desco e i dormenti sulla paglia furono chiamati a star su, salvo tre o quattro che, non potendo reggersi pel vino cioncato, sarebbero stati d’impaccio anzi che d’aiuto ai compagni; e si venne alla distribuzione delle armi e delle cartucce.

Parecchi si lagnavano che i fucili fossero grami. E certamente avrebbero potuto essere migliori. La più parte eran a martellina, colla pietra focaia; lo scatto in alcuni era