Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/343

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Ora io vi prego di un’ultima grazia.... Portatemi stasera alla Montalda....

- Sarà impossibile.... per molti giorni ancora.... - balbettò il Giuliani.

- Vedrete che si potrà.... senza pericolo! - rispose con un mesto sorriso il ferito. - Vorrei essere sepolto accanto a mia madre, e accanto a lui.... che non sarà tardo a seguirmi. Anch’egli è ferito nel cuore. Ditegli che mi perdoni.... di non averlo aspettato.... e che il mio ultimo pensiero è stato per lui.... -

Il Giuliani e il Pietrasanta si stempravano in lagrime. Il Mattei, col suo triste silenzio, diceva assai chiaramente che non c’era speranza.

Il ferito aveva chiuse le palpebre. Il suo volto s’era fatto smorto; solo il respiro affannoso lo diceva ancor vivo, e mal vivo.

- Ho freddo! - mormorò egli poco stante. - Vorrei essere al sole. -

Il Pietrasanta e il Giuliani volsero gli occhi al Mattei. Questi assentì con un cenno del capo, ed anzi fu pronto, insieme coll’altro medico ad aiutarli, per trasportare il morente oltre l’angolo del palazzo. Tanto e tanto, di là si dova passare per condurlo dentro.

Il sole era presso al tramonto. I suoi raggi rossastri apparivano ancora dal ciglio dei colli, che nascondevano bensì l’orizzonte, ma non il vasto padiglione di porpora sotto il quale veniva morendo la luce dell’astro.

- Bel sole! bel sole! - disse Aloise, riaprendo le palpebre, e volgendo una languida occhiata a quello splendore di cielo. - Come è bello il tuo morire.... ed il mio! Grazie, Mattei! Giuliani, grazie! Sarei morto volentieri in guerra, per la mia patria. Non ho potuto aspettare! E tu, Enrico.... -

Il Pietrasanta chinò il viso su quello del giacente, quasi per coglierne le ultime voci.

- Non amare, Enrico.... non amare!... Ci si lascia.... - Un grido del Pietrasanta gli tolse di finire la frase.

- Che cosa? - domandò il morente. - Che cosa hai veduto?... Lui?

- E lei; - rispose il Pietrasanta, sollevandolo amorevolmente tra le sue braccia. - Coraggio, Aloise, coraggio! -

Ma prima ch’egli avesse finita la sua esortazione, una donna smarrita all’aspetto, come fuori di sè, veniva tutta lagrimosa a buttarsi ginocchioni a’ piedi del ferito.

- Ah! - mormorò Aloise, riconoscendola, e stendendo le braccia verso di lei.