Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 63 —


per l’anima di mia madre, che ne verrò in chiaro, e guai a lui!

— Ci avrete compagni, Aloise, — soggiunse l’Assereto porgendogli la mano, — compagni nel giuramento e nelle opere. Ora leviamoci di qua, e chiamiamo senza indugio i pensieri a capitolo.

VII.

Nel quale si racconta chi fossero i Templarii

I Templarii! chi erano i Templarii?

Oh bella! risponderà l’erudito lettore. Erano i cavalieri di quell’ordine tra religioso e militare, che, fondato nel 1118 da nove cavalieri francesi, ebbe il nome dalla dimora che gli assegnò Baldovino II in Gerusalemme, in un palazzo attiguo al luogo dell’antico tempio di Salomone. I cavalieri del Tempio erano ordinati dapprima a soccorrere, curare e proteggere i pellegrini cristiani in Terra Santa; poscia l’ufficio loro si stese, anzi addirittura si volse, a difendere coll’armi la fede di Cristo e il Santo Sepolcro contro gli assalti degli infedeli. Più tardi, ricaduta Gerusalemme in balìa dei Saraceni, i Templarii si ridussero nell’isola di Cipro, donde proseguirono la guerra giurata, combattendo sul mare, o tentando audacissime imprese sui lidi nemici. Sterminatamente ricchi e possenti, avevano, intorno al 1250, alta e bassa signoria su novemila baliaggi, commende, priorati; la più parte de’ quali in Francia, dove la baldanza loro, le mire ambiziose, e i tenebrosi instituti dell’ordine tornarono molesti a Filippo il Bello, per modo che egli pensò di sterminarli, e ne venne a capo, col ferro, col fuoco, e colle scomuniche di Clemente V, suo degno compare.

Il lettore erudito ha ragione; parla come un libro stampato, nè si potrebbe, per questo rispetto, insegnargli nulla di nuovo. Ma noi scriviamo cronache contemporanee, non storie antiche, e qui non si tratta dei Templarii, spenti nel 1314, sul rogo del loro gran maestro Giacomo Bernardo di Molay, bensì d’un altro ordine, assai più moderno, cioè a dire dei Templarii che fiorivano in Genova, nell’anno 1857, e non furono spenti da altri roghi, se non da quelli del ma-