Pagina:Barrili - L'olmo e l'edera, vol. 1.djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 140 —

più volte, mostrando le sospettose antenne, ma s’era rimbucato da capo. La sua presenza era posta in sodo, ed oramai, per sloggiarlo, e’ bisognava lavorar di fine, usare accorgimento e prudenza, ma non dargli più tregua.

Ella non vuole essere risanata, pensò, dappoichè non vuol consolarsi, riamare la vita. S’ha dunque da risanarla a suo malgrado, e senza che veda, senza che sospetti il come. Disturbiamo il suo pensiero, non gli diamo più agio di operare, e sarà tanto tempo guadagnato pel lavorìo della scienza. La natura farà il rimanente. Nei recessi dell’anima stanno rimedii sottili, imponderabili, ignoti, ma potenti, efficaci, solo che abbiano il modo di svolgersi. E’ fu un sassolino, spiccatosi dal monte, che scese a rovesciare la statua. L’operosità latente, stimolata da un nonnulla, in certe occasioni particolari, si sveglia e riedifica; il germe, bagnato da una goccia di rugiada, si fa pianta e prospera anco in una fenditura di marmo.

Laurenti argomentava benissimo, e il suo cuore indovino metteva le fondamenta di un ottimo sistema terapeutico. Ma egli v’era alcun che di maggiore, di più effi-