Pagina:Barrili - L'olmo e l'edera, vol. 1.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 141 —

cace, che gli veniva in aiuto, e che egli per fermo non poteva scorgere, non che mettere in conto, poichè quella tal cosa era egli, egli stesso. La signora Argellani non aiutava il suo medico, non lo secondava nei generosi conati ch’egli faceva per arrestare lo struggimento delle sue forze vitali. Ma intanto un nuovo elemento era penetrato nella sua esistenza, e creava necessariamente consuetudini nuove. Il ghiaccio era rotto; la primavera alitava dintorno a lei, tutti i suoi stimolanti profumi, tutti i suoi vivaci tepori. La bella inferma credeva di esser sempre sola col suo rammarico, e non lo era già più. Il suo deserto era popolato, e un’aria di giovinezza, spirando da tutti i lati, recava i germi della vita nuova. Stava daccanto a lei l’apparenza del medico; ma sotto quella spoglia tranquilla, palpitava il cuore, ardeva la mente dell’innamorato, che doveva circondarla di una rete invisibile, operare per la sua anima, ingombra dal tedio d’ogni cosa, quello che aveva operato la fantastica volontà di un altro innamorato per gli occhi di Caterina di Russia, allorquando fiorivano i giardini e sorgevano i villaggi lungo la brulla strada che essa doveva percorrere.