Pagina:Barrili - L'olmo e l'edera, vol. 1.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 42 —

nell’ora in cui il giardiniere di sotto girava attorno alle sue piante e le ripuliva dai pericolosi baci della rugiada, con larghi spruzzi d’acqua del suo anaffiatoio, innanzi la levata del sole.

Il vedersi ogni mattina, l’uno giù e l’altro su, aveva recato una certa dimestichezza tra Guido e il giardiniere. L’uno signore, l’altro bracciante, s’erano indovinati i medesimi affetti nelle medesime occupazioni; ma non avevano impreso ancora a discorrere insieme. Il giardiniere, quando giungeva col suo anaffiatoio e col suo sarchiello fino alle ultime aiuole, nel vicinato dell’olmo, alzava il naso verso il sommo del muraglione, donde gli sorrideva il viso biondo del giovine signore, rischiarato dai primi raggi del sole, e metteva la mano al cappello. Laurenti rispondeva al saluto con un grazioso cenno della mano o del capo, e la conversazione era finita.

Egli per tal modo non aveva mai chiesto di chi fosse la villa; il caso non l’aveva mai condotto a udire il nome del padrone, e, non affacciandosi colà che di buon mattino, mai berretta di velluto ricamata d’oro, mai veste serica tra i meandri fioriti, mai corsa chiassosa di allegri fan-