Pagina:Barrili - La legge Oppia, Genova, Andrea Moretti, 1873.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto primo 41

Fulvia

Non volevo andare tant’oltre. Non sento.... Via, mettiamo il desiderio.... Non sento il desiderio di comparire. Questo è il mio modo di pensare. O si piace, o non si piace; e gli ornamenti che fanno?

Marzia

Orgogliosetta! Lo sai, che piaci così disadorna, lo sai?

Fulvia

Io?

Marzia

Non lo negare! Fosti veduta alla recita dell’Epidico.... e fu veduto e notato anche un altro.

Fulvia

(arrossendo)

Ah!

Marzia

Ma l’amico è dunque molto possente su te? Egli t’ha ammaliata a segno di farti dimenticare la tua.... Come chiamarla?

Fulvia

Dignità; di’ pure la gran parola.

Marzia

Arguta! mi rendi la pariglia? Orbene, sì, io la dirò, senza cercarne un’altra; la tua dignità femminile.

Fulvia

Io non t’intendo.