Pagina:Barzini - Sui monti, nel cielo e nel mare. La guerra d'Italia (gennaio-giugno 1916), 1917.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



IL TRIONFO DELLA TRINCEA.

Novembre 1915.

Da oltre un mese la nostra offensiva si sferra con rinnovato vigore su tutta la fronte. È una immensa battaglia fatta di assalti contro posizioni solidamente fortificate. L’eroismo e la tenacia dei nostri soldati si levano ad altezze sublimi. Se nel giudicare questa lotta incomparabile noi temessimo di lasciarci trascinare troppo dalla nostra passione, non avremmo che da leggere quello che la critica militare straniera scrive giorno per giorno sulla azione italiana, non avremmo che da cercare nella stessa stampa nemica le testimonianze sul valore dei nostri fratelli combattenti, per sentirci avvampare di orgoglio.

Giornali di lingua tedesca che non nascosero le loro simpatie per i nostri avversarii, sciolgono ora degli inni al soldato d’Italia. Giornalisti che si resero famosi per la loro avversione alla nostra causa, diffondono nella stampa germanizzante descrizioni di guerra che esaltano le virtù del nostro esercito e l’abilità del suo comando. Non possiamo leggere senza una