Pagina:Barzini - Una porta d'Italia col Tedesco per portiere, Caddeo, Milano, 1922.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 34 —


stendere lungo la valle dell’Adige e per le vallate ladine i tentacoli formidabili dell’intedescamento. Interessi di tutte le sorta, influenze di tutti i generi, religione, cultura, ogni forza, ogni sapienza, ogni abilità, sono stati messi in opera, metodicamente, con l’appoggio possente della legislazione statale, con l’opera multiforme di ricche associazioni sovvenzionate dal Governo, per assorbire una nazionalità senza soccorso e avanzare sulle sue rovine la frontiera del blocco germanico. La guerra ha accelerato questo processo che dura da trentanni. Trent’anni fa non c’erano che scuole e chiese italiane nelle zone italo-ladine. Allo scoppio della guerra, nel territorio mistilingue la predica era ancora tenuta una volta in italiano e una volta in tedesco — l’italianità è dura a digerirsi: — ora solo in tedesco. Il regime militare ha favorito l’applicazione di metodi sbrigativi, che, come abbiamo visto, continuano. La guerra delle razze non ha avuto armistizio, non è stata fermata dalla vittoria.

Adesso, i dirigenti tedeschi non hanno che una paura: quella di vedersi imitati. Reclamano clamorosamente il rispetto della loro nazionalità, della loro cultura, delle loro leggi, quasi che si potesse usare un rispetto più grande di quello che abbiamo dimostrato finora. Vogliono un’autonomia completa, amministrativa e legislativa, che permetta loro di chiuderci la porta in faccia e di tirarsi in casa tutte le genti che fanno passare co-