Pagina:Basile - Lu cunto de li cunti, Vol.I.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
civ introduzione

bella facce drinto no cacaturo?, chi fa fare la quarantana a ssa bella mercanzia drinto a no cafuorchio?, chi tene presone la potenzia d’ammore drinto a sso mantrullo? Lèvate da sso fuosso; scapola da ssa stalla; jesce da sso pertuso; sauta, maruzza, e dà la mano a Cola, e spienneme pe quanto vaglio! Sai puro ca songo re, e non so quarche cetrullo, e pozzo fare e sfare! Ma chillo cecato fauzo, figlio de no sciancato e na squaltrina, lo quale ha libera autoretate sopra li sciettre, vole che io te sia suggeco, e che te cerca pe grazia chello che porria scervecchiarene pe propio arbitrio; e saccio ancora, comme disse chillo, ca co li carizze, non co le sbraviate, se ndorca Venere!

E una curiosità del libro sono le cento metafore diverse, colle quali si trovano parafrasate le indicazioni delle ore del giorno, dell’albeggiare, dell’annottare. Scorrendo le sole prime pagine, si troverà, per dire il far del giorno:


..... la matina, quanno la notte fa jettare lo banno dall’Aucielle a chi avesse visto na morra d’ombre negre sperdute, che se le farrà no buono veveraggio (Ntroduzz.).


..... appunto quanno lo sole ha puosto sella pe correre le solite poste, scetato da le cornette de li galli..... (ivi).


..... a lo spuntare de la stella Diana, che sceta l’arba ad aparare le strate, pe dove ha da spassiare lo sole..... (ivi).


..... la matina, quanno esce l’aurora a jettare l’aurinale de lo viecchio sujo, tutto arenella rossa, a la fenestra d’oriente..... (I, 1).


..... nnanze che lo sole scesse comme a Protamiedeco a fare la visita de li shiure che stanno malate e languede..... (I, 2).


..... la mattina, quanno l’ombre de la notte, secotate da li sbirre de lo sole, sfrattano lo pajese..... (I, 4).


..... subeto che l’aucielle gridaro; viva lo sole!..... (I, 5).