Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/112

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78 Dei Delitti

servigio ricompensa colle sue fatiche quella società che ha offesa, che è il freno più forte contro i delitti. Quell’efficace, perchè spessissimo ripetuto ritorno sopra di noi medesimi,“io stesso sarò ridotto a così lunga e misera condizione, se commetterò simili misfatti” è assai più possente, che non l’idea della morte che gli uomini veggon sempre in una oscura lontananza.

La pena di morte fa un impressione, che colla sua forza non supplisce alla pronta dimenticanza, naturale all’uomo anche nelle cose più essenziali, ed accelerata dalle passioni. Regola generale: le passioni violenti sorprendono gli uomini, ma non per lungo tempo; e però sono atte a fare quelle rivoluzioni, che di uomini comuni ne fanno o dei Persiani o dei Lacedemoni. Ma in un libero e tranquillo governo le impressioni debbono essere più frequenti che forti.

La pena di morte diviene uno