Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
80 Dei Delitti

di morte, ha ciò che basta per rimuovere qualunque animo determinato. Aggiungo, che ha di più. Moltissimi risguardano la morte con viso tranquillo e fermo, chi per fanatismo, chi per vanità che quasi sempre accompagna l’uomo al di là dalla tomba, chi per un ultimo e disperato tentativo o di non vivere, o di uscir di miseria: ma né il fanatismo, né la vanità stanno fra i ceppi o le catene, sotto il bastone, sotto il giogo, in una gabbia di ferro; il disperato non finisce i suoi mali, ma li comincia.

L’animo nostro resiste più alla violenza ed agli estremi ma passaggeri dolori, che al tempo ed alla incessante noja: perchè egli può, per dir così, condensar tutto se stesso per un momento, per respinger i primi; ma la vigorosa di lui elasticità non basta a resistere alla lunga e ripetuta azione dei secondi. Colla pena di morte ogni esempio, che si da alla nazione, suppone un delitto; nella