Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
92 Dei Delitti

dita di tutto, o di parte dei beni, ed alcuni no. La perdita del tutto sarà quando il bando intimato dalla legge sia tale, che annienti tutt’i rapporti che vi sono tra la società e un cittadino delinquente: allora muore il cittadino, e resta l’uomo; e, rispetto al corpo politico, deve produrre lo stesso effetto, che la morte naturale. Parrebbe dunque che i beni tolti al reo dovessero toccare ai legittimi successori, piuttosto che al principe; poichè la morte ed un tal bando sono lo stesso, riguardo al corpo politico. Ma non è per questa sottigliezza, che oso disapprovare le confiscazioni dei beni. Se alcuni hanno sostenuto, che le confiscazioni sieno state un freno alle vendette ed alle prepotenze private, non riflettono che, quantunque le pene producano un bene, non però sono sempre giuste, perchè per esser tali, debbono esser necessarie: ed una utile ingiustizia non può esser tollerata da quel legislatore che vuol