Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/166

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132 Dei Delitti

vello: quindi, se l’ambizioso li conquista come utili, se il vano va mendicandoli come testimonj del proprio merito, si vede l’uomo d’onore esigerli come necessarj. Quest’onore è uma condizione che moltissimi uomini mettono alla propria esistenza. Nato dopo la formazione della società, non potè esser messo nel comune deposito, anzi è un istantaneo ritorno nello stato naturale, e una sottrazione momentanea della propria persona da quelle leggi che in quel caso non difendono bastantemente un cittadino.

Quindi, e nell'estrema libertà politica, e nella estrema dipendenza, spariscono le idee dell’onore, o si confondono perfettamente con altre: perchè nella prima il dispotismo delle leggi rende inutile la ricerca degli altrui suffragj; nella seconda, perchè il dispotismo degli uomini annullando l'esistenza civile, gli riduce ad una precaria e momentanea personalità. L’onore è dunque uno de’ prin-