Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e delle Pene. 135

colpa, è stato costretto a difendere ciò che le leggi attuali non assicurano, cioè l’opinione, ed ha dovuto mostrare a suoi cittadini che egli teme le sole leggi, e non gli uomini.




§. X X X.


Furti.


I furti, che non hanno unita violenza, dovrebbero esser puniti con pena pecuniaria. Chi cerca di arricchirsi dell’altrui, dovrebbe essere impoverito del proprio: ma come questo non è, per l’ordinario, che il delitto della miseria e della disperazione, il delitto di quella infelice parte di uomini, a cui il diritto di proprietà (terribile e forse non necessario diritto) non ha lasciato che una nuda esistenza; ma come le pene pecuniarie accrescono il numero dei rei al di sopra di quello dei delitti, e che tolgono il pane agl’innocenti per darlo agli scellerati, la pena più op-