Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
140 Dei Delitti

tori le persone dei debitori falliti. Ma io credo importante il distinguere il fallito doloso, dal fallito innocente. Il primo dovrebbe esser punito coll’istessa pena, che è assegnata ai falsificatori delle monete; poiché il falsificare un pezzo di metallo coniato, che è un pegno delle obbligazioni de’cittadini, non è maggior delitto, che il falsificare le obbligazioni stesse. Ma il fallito innocente, ma colui che, dopo un rigoroso esame, ha provato innanzi a’ suoi giudici, che, o l’altrui malizia, o l'altrui disgrazia, o vicende inevitabili dalla prudenza umana, lo hanno spogliato delle sue sostanze, per qual barbaro motivo dovrà essere gettato in una prigione, privo dell’unico e tristo bene che gli avanza di una nuda libertà, a provare le angosce de’ colpevoli, e, colla disperazione della probità oppressa, a pentirsi forse di quella innocenza colla quale vivea tranquillo sotto la tutela di quelle leggi, che non era in sua balìa di non offendere;