Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
150 Dei Delitti

litto abbia qualche influenza sugli uomini. Chi teme il dolore, ubbidisce alle leggi; ma la morte ne estingue nel corpo tutte le sorgenti. Qual dunque sarà il motivo che tratterrà la mano disperata del suicida?

Chiunque si uccide fa un minor male alla società, che colui che n'esce per sempre dai confini: perchè quegli vi lascia tutte le sue sostanze; ma questi trasporta se stesso con parte del suo avere. Anzi se la forza della società consiste nel numero de’cittadini, col sottrarre se stesso e darsi ad una vicina nazione, fa un doppio danno di quello che lo faccia chi semplicemente colla morte si toglie alla società. La questione dunque si riduce a sapere, se sia utile o dannoso alla nazione il lasciare una perpetua libertà di assentarsi a ciascun membro di essa.

Ogni legge, che non sia armata, o che la natura delle circostanze renda insussistente, non deve promulgarsi: e come su gli animi regna l’opinio-