Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
164 Dei Delitti

ai veri interessi degli uomini, se v’è chi con riconosciuta autorità lo eserciti. Io non parlo che dei delitti che emanano dalla natura umana e dal patto sociale, e non dei peccati, de’ quali le pene, anche temporali, debbono regolarsi con altri principj, che quelli di una limitata filosofia.




§. X X X V I I I.


Di qualche sorgente di errori e d’ingiustizie nella legislazione; e primo, false idee di utilità.


Una sorgente di errori e d’ingiustizie sono le false idee di utilità che si formano i legislatori. Falsa idea di utilità è quella, che antepone gl’inconvenienti particolari all’inconveniente generale; quella, che comanda ai sentimenti in vece di eccitarli, che dice alla logica, servi. Falsa idea di utilità è quella, che sacrifica mille vantaggi reali, per un inconveniente o imaginario o di poca conseguenza;