Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16 Dei Delitti

sente, che dalle funeste ma rimote conseguenze che nascono da un falso principio radicato in una nazione, mi sembra dimostrata. Le nostre cognizioni e tutte le nostre idee hanno una reciproca connessione; quanto più sono complicate, tanto più numerose sono le strade che ad esse arrivano e partono. Ciascun uomo ha il suo punto di vista, ciascun uomo in differenti tempi ne ha un diverso. Lo spirito della legge sarebbe dunque il risultato di una buona o cattiva logica di un giudice, di una facile o mal sana digestione; dipenderebbe dalla violenza delle sue passioni, dalla debolezza di chi soffre, dalle relazioni del giudice coll’offeso, e da tutte quelle minute forze che cangiano le apparenze di ogni oggetto nell'animo fluttuante dell’uomo. Quindi vegliamo la sorte di un cittadino cambiarsi spesse volte nei passaggio che fa a diversi tribunali, e le vite de’ miserabili essere la vittima dei falsi raziocinj, o dell'attuale fermento de-