Pagina:Berchet, Giovanni – Scritti critici e letterari, 1912 – BEIC 1754878.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ii. lettera semiseria di grisostomo 59


III

ALLOCUZIONE

Nei funerali del pittore Andrea Appiani

celebrati nella chiesa della Passione

il giorno 10 di novembre 1817


Questo cadavere intorno a cui ci raduna l’onor nazionale e l’entusiasmo dell’ammirazione, questo cadavere era Andrea Appiani pittore. Giá da quattro anni un fiero colpo d’apoplessia lo aveva rapito alle arti ed all’incremento della gloria italiana; ma egli vivea pur tuttavia. E la sua vita, quantunque infelice, era nondimeno un carissimo conforto alla famiglia, una speranza pe’ suoi amici. Un secondo insulto dell’apoplessia ruppe tutte le nostre speranze, ed egli non è piú. La chiarezza dell’ingegno, la dolcezza de’ modi, le virtú famigliari e cittadine, l’arte squisita, tutto insomma che piú fa illustre su questa terra, tutto perdemmo in lui; e di lui non ci resta che questo cadavere e la gloria del nome. La natura avea versato in lui tutti quei doni de’ quali era stata giá prodiga tanto verso Raffaello. Ella avea voluto che Appiani ne fosse l’emulo; e Appiani obbedí. L’alacritá con cui egli si diede agli studi piú profondi dell’arte, l’amore infinito, ardentissimo del bello a cui educò la propria anima, il sentimento della delicatezza ch’egli si procacciò col culto delle maniere piú gentili, svilupparono ed accrebbero i doni della natura. I tempi favorivano l’ingegno. Ed Appiani può dirsi per eccellenza il pittore del secolo.

Ogni lode verrebbe meno a voler dire delle maravigliose opere di lui. Ciascuno di noi sente nel fondo dell’anima ciò