Pagina:Bertini - Le dimore estive dell'appennino toscano, Niccolai, Firenze, 1896.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

abetone o boscolungo 43


sull’alto Appennino un Albergo grandioso provvisto di tutti i comodi della vita e quasi con lusso. Si apre ogni anno dal 15 maggio al 15 ottobre ed è ora tenuto da Giuseppe Orsatti. Annessi all’Albergo vi sono bagni di acque freddissime per doccie; ma per ora questo servizio non è organizzato con sistemi molto moderni.

La pensione giornaliera è da lire 9 a 12 secondo la fermata più o meno lunga del visitatore e secondo i mesi di residenza: nel giugno e nel settembre si fanno agevolezze nei prezzi.

Il proprietario tiene comode vetture per il servizio dei forestieri.


Villa Burgnoli già Gardini. — 1388 m. Questa pensione, tenuta da Giuseppe Orsatti, e che è una Succursale dell’Albergo dell’Abetone, sorge sul culmine del valico dove le due piramidi di pietra indicano il confine degli antichi stati di Modena e di Toscana. È una pensione di lusso, nulla essendo stato trascurato perchè potesse gareggiare con le pensioni più accreditate di Svizzera e di Germania. La posizione è delle più deliziose.

L’Orsatti s’incarica anche di eseguire qualsiasi commissione dei signori villeggiane fi per vetture, cavalcature e guide per gite.