Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 7, 1799.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

9

1già, nelle fisiche, nelle matematiche, e in altri studj più serj addestrati.

Dopo d’aver dunque voi veduto nel saggio dell’Entusiasmo una ricerca attenta de’ nostri interni principe, cognizioni, disposizioni per le lettere, e l’arti; vedete oggi l’esterne pruove di fatto, per le quali il raziocinio, e il sentimento dell’anima accordisi colla storia, e colla esperienza in quel modo, che in fisica gli sperimenti comprovano i sistemi, e dan valore alle congetture filosofiche. Questa pietra di paragone dovrebbe applicarsi ad ogni studio, se fosser gli uomini men nemici della fatica e amanti meno dei vani loro pensieri. Ma chiunque ama sinceramente la verità non fugge fatica, e non lasciasi preoccupare dalle opinioni imbevute nella volgare educazione, o nel suo capo trovate. Dovrebbe ognuno persuadersi, che v’ha una filosofia sperimentale in ogni professione


  1. Si suppongono letti prima di questa operetta gli annali d’Italia del Muratori, che qual fondamento la devon precedere, o accompagnare.