Pagina:Bettini - Guida di Castiglione dei Pepoli, Prato, Vestri, 1909.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 14 —

paese; l’agricoltura e la pastorizia sono tenute in onore: la terra non è ingrata a chi la cosparge dei propri sudori. Vi si trovano inoltre molte erbe aromatiche e medicinali. Numeroso e ben tenuto è il bestiame, specialmente in alcune parti del Comune, dove le pasture son più ricche di erbe saporose e care agli armenti, adorne di fiori vaghi e profumati, bagnate da perenni ruscelli.

   Ivi.... «Pale amica
» Latte ne preme a larga mano, e tònde
» Candidi vèlli e per li prati pasce
» Mille al palato uman vittime sacre1.

La rigidezza del clima, la esposizione dei terreni, la natura del suolo, non son troppo favorevoli alla viticultura. Bacco ama i colli ed i sassi: i grappoli maturano al caldo bacio del sole. Pur non ostante, si vede nei luoghi meglio esposti e di minore altitudine, un qualche vigneto.

L’olivo, poi, non v’alligna, in nessun modo. Minerva scelse a sede sua, Elèa, sulle spiaggie cui carezza l’Egeo.


  1. Parini Giuseppe, Il Mezzogiorno, Versi.