Pagina:Bianca Laura Saibante Vannetti - Rime (raccolte da P. L. Ferri), Padova 1834.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16

SONETTO


«Pace non trovo, e non ho da far guerra;»
     Sì lo spirto da mille cure oppresso
     Giace, che mi torrei d’essere appresso
     A quell'ombre che già stanno sotterra.

Deh! vieni a me, se il varco altrui non serra,
     Tu, che regie e vili alme in uno stesso
     Fascio raggruppi, e fa mi sia concesso
     Di presto scior le membra lasse in terra.

Se lice poscia rammentar gli affanni
     Fra’ morti ancora, la dolente storia
     Dopo mille per me s’udrà e mill'anni.

E poiché Morte non ebbe vittoria
     Di me, ch’anzi al mio priego stese i vanni,
     «Sempre starommi umíle in tanta gloria.»