Pagina:Bianchi-Giovini - Biografia di Frà Paolo Sarpi, vol.2, Zurigo, 1847.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
70 capo xix.

loro orgogli era l’ingrandimento della monarchia spagnuola, il cui dominio avrebbono voluto estendere per tutta la penisola. Ma gli attraversava la costante e scaltra politica della Repubblica, che gelosa per sè andava ora scopertamente, ora sotto mano suscitando ostacoli a que’ rapaci stranieri. Da qui un odio terribile contro di lei, e quei satrapi non pretermisero occasione di nuocerle, fin anco a suscitarle contra i Turchi. Più caldi, siccome più a portata di offendere, si mostravano i governatori di Milano e i vicerè di Napoli, e questi ultimi specialmente assunsero l’aperta protezione degli Uscocchi.

Ad ogni querela del Senato i ministri austriaci proponevano per primo patto di accomodamento che potessero anco i legni armati d’Austria e Spagna entrare nel golfo. La Repubblica intesa a difendere le sue ragioni coll’armi, non pretermise di sostentarle eziandio cogli scritti; e per servire di lume al governo e d’instruzione a’ diplomatici Frà Paolo stese, per ordine del Collegio, cinque scritture sul dominio del mare Adriatico, di cui tre sono a stampa e due inedite, e più altri consulti, memorie e sunti che tutte insieme formarono un volume in foglio. Nel qual numero non è però da comprendersi un’operetta intorno al jus belli della Repubblica su esso Adriatico, che non è sua nè per lo stile nè per gli argomenti.

Altro lavoro relativo a questi negozi è l’istoria degli Uscocchi incominciata da Minuccio Minucci arcivescovo di Zara e continuata dal Sarpi. Alle querele di fatto dei Veneti gli Austriaci opponevano l’incredulità o dubbiezza o scusa, o che fossero esa-