Pagina:Bianchi-Giovini - Biografia di Frà Paolo Sarpi, vol.2, Zurigo, 1847.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo xix. 79

se abbia inserito questo racconto nelle sue Memorie, niente altro significherebbe se non che anco gli ambasciatori scrivono delle bugie. Fontenay andò a Roma solamente nel 1641, e prima di quell’epoca non aveva veduta l’Italia. Frà Paolo era già morto da dicianove anni.

In mezzo a tanti lavori il Consultore godette sempre, all’avvenante della sua gracile complessione, di una buona salute; quando nel luglio del 1612, sessantesimoprimo della sua età, trovandosi a grave consulta in casa del cavaliere Servilio Treo, altro Consultore di Stato, fu sorpreso da febbre che procedendo gagliardemente, accompagnata da somma nausea di ogni cibo e bevanda, lo condusse quasi a fin di vita. Egli che desiderava di morire naturalmente, non avrebbe voluto medici; ma il governo gliene mandò buon numero, tra i quali il suo amico Sartorio, onde il Sarpi scherzando disse: «Questo ho io avanzato, che mi conviene ad altri più creder di me, che a me medesimo». Aggravandosi il male, Sartorio lo lasciò sfidato; e il giorno dopo andatolo a trovare, il Sarpi cominciò a burlarsi di lui, nè voleva che gli toccasse il polso, dicendo: «Mi avete ieri così perentoriamente sentenziato a morte, ed ora mi volete accarezzare?» Il medico lo cosigliò a bere latte di asina, ed egli: «Che bel consiglio da amico. Ora che ho sessant’anni volermi imparentare fratel di latte con un asino!» Infine dopo diciotto giorni tornò a ricuperare la sua salute.

Saputa in Roma la grave infermità del Consultore, fu festa in Curia e pareva già di vedere la