Pagina:Biografie dei consiglieri comunali di Roma.djvu/319

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

spaziani avv. antonio

sere scritto con istile elettissimo rivela una mente erudita, e presentatolo nel concorso, che avea luogo per il posto vacante di primo Segretario del Municipio di Roma, l’onore fruttavagli di una splendida votazione per parte dei Consiglieri Comunali, i quali in attestazione di stima particolare e a dimostrazione delle apprezzate virtù lo vollero iscritto nell’albo della cittadinanza romana. —

Studiosissimo sempre e nelle scientifiche elaborazioni trascorrendo sua vita, durante l’anno 1865 inseriva nel Dizionario di legislazione e giurisprudenza compilato dall’egregio professore Pacifici-Mazzoni un ampio commento sulla lettera di cambio, che gli valso l’elogio di tutta la stampa legale, e tra gli altri periodici noteremo la Giurisprudenza italiana, la quale al volume 17.° dispensa 8.ª parlando di tale commento, in queste parole conclude: — «Le più difficili questioni in materia, che tante ne offre, vi si veggono formulate con brevità e chiarezza, con le varie soluzioni proposte dagli autori più riputati dallo Stracca al Parodi, ed adottate dal foro nostrale e straniero.» — Ed un altro giornale italiano dell’epoca, intitolato — La sentinella delle Alpi — al n. 48 si espresse: — «Ci crediamo autorizzati ad affermare che sarà forse il lavoro più perfetto che siasi scritto intorno a tale argomento.» — La sola citazione di questi splendidi giudizi della stampa scientifica legale basta già a porre in rilievo i meriti distinti dell’avvocato Antonio Spaziani, o a consegnarlo nel novero di quei dotti, che onorano se medesimi, e il proprio paese, e la cui opera non può non concorrere efficacemente e con immensa utilità in qualunque ufficio, in qualunque dignità venga assunto. —

Compiutosi net 20 Settembre 1870 l’avvenimento più solenne dell’italico risorgimento coll’esser fatta Roma capitale d’Italia, l’avv. Antonio Spaziani chiarissimo per onoranza di nome, per isplendidezza di meriti, era dal governo chiamato a cinger la toga di giudico, e da quel tempo siedo magistrato nel Tribunale di Roma, dovo si parve sempre meglio la sua dottrina, il corredo di sue cognizioni, e degnamente compie alla missione più sacra nel mondo, quale è quella di amministrare la umana giustizia. —

Avvenute le prime elezioni amministrative nella Provincia Romana, era scelto consigliere provinciale pel mandamento di Genazzano, e all’onorevole mandato adempie con zelo, con assiduità, con tutte lo forze dell’ingegno, con tutta la potenza del suo sapere, ed è uno dei più distinti consiglieri, che al buon andamento coopera della amministrazione della Provincia Romana, e concorre a farla sempre più prosperare, e ad esser feconda di utilità pubblica e privata. —

L’avvocato Antonio Spaziani è una di quelle giovani e schiette figure che