Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 56 —


— «L'ha veduta?» mi disse piano il conte Rinaldi.

— «Sì:» risposi. «Ma forse hanno ragione i miei cugini. C'è in lei qualcosa che allontana. Non le pare?»

Perchè mi guardò in quel modo, attonito, fisso, e le sue labbra si agitarono senza che ne uscisse una parola?

Carletto chiacchierava col tenente e con l'Elisa, ma sentivo il suo braccio avvicinarsi sempre più al suo petto, e mi pareva di sentire battere il suo cuore sotto la mia mano.

Mi invase un senso indefinibile di piacere e di sgomento: le idee mi turbinavano: il cuore mi batteva con violenza. Non sentivo e non vedevo più nulla.

Si arrivò alla carrozza: mia cugina salì, ed io dopo di lei.

— «Ma dove hai la testa, Conny» mi disse.

«Non senti che il Rinaldi ti saluta?»

Io sporsi la mano dallo sportello: e soltanto quando me la sentii stretta dalla mano lunga e magra del conte, mi riscossi, e mi risvegliai come se avessi sognato.