Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/61

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 59 —


verso mezzogiorno, egli entrò nel mio salotto: io mi ero appena alzata, perchè avevo ballato tutta la notte in casa S***. Non so perchè rimasi così confusa a vederlo, e non trovavo modo di avviar un discorso. Egli fece i suoi inchini, forse con maggior gravità del solito: aspettò che gli dicessi di sedersi, ringraziò, si sedette e mi fece i suoi complimenti per il furore che avevo destato in casa S***. Glielo aveva detto sua moglie, e un amico che aveva trovato quella mattina al Cova.

Ma ad un tratto mi domandò:

— «Sei in collera, Conny?»

— «In collera! no:» risposi; «perchè dovrei essere in collera?» e sorrisi.

— «Davvero?... È però molto tempo che non ci vediamo: lo sai?» E si chinò per guardarmi negli occhi. Perché io non li alzai? e non gli lasciai leggere che cosa passava nel mio sguardo?

— «Senti, cara ragazza: parliamo un pochino sul serio, eh?»

— «Che? abbiamo forse finora parlato per ridere?»

Egli mi prese una mano:

— «Conny, Conny: non tentar di scherzare quando non ne hai la voglia! Tu non sei buona di fingere. Mi vuoi ascoltare?»

— «Ma si figuri!»

Vi fu un momento di silenzio.