Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 58 —


che cosa ama! Ama me: in un modo un po'brusco, ma che, forse appunto per questo, mi piace, mi commove, e mi ispira tutta la fiducia.

Credo che abbia ragione l’Elisa: un po'del mio carattere... via, sincero: e del mio faro franco l’ ho preso da lui. Il mondo lo conosco perchè lui me l'ha descritto, e siccome lui è molto scettico, io... ma voi sapete già come la penso io.

Filippo dice che non c'è nessun angolo di salotto più simpatico e comodo del mio: ed io quasi ogni sera gli facevo la sorpresa di una nuova comodità,: oggi era il tavolino da fumare accanto alla sua poltroncina rossa: domani era un paralume.

Le prime volte quasi si offendeva; mi diceva che lo volevo viziare: che lui voleva servir me e non esser servito: che lui è de'tempi passati o non vuol mutare, e che allora era una villania il fumar sul viso alle signore e lo sdraiarsi nelle poltrone...

— «Non soffri, Conny? Miss Jane soffrite?...» domanda ogni sera.

— «No, no,» gli diciamo noi.

— «Allora, se permettete...»

Io gli dico:

— «Si figuri!»

E lui: «Grazie.» Si inchina, e fuma un mezzo zigaro avana.

· · · · · · · · · · · · · · · · · · · · ·

Da due settimane non lo vedevo. Una mattina,