Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/75

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 73 —


— «Ma Conny! non capisco! non la conoscevi nemmeno questa Clara e sei turbata come se... Ah! brava! mi avevi spaventata!.. Senti dunque, cara: tu ti sgomenti di tutto: mi fai ridere... Tu che dicevi di conoscere il mondo meglio di chiunque altra!... Ma credi tu forse che il giovine che tu sposerai — chiunque sia — non avrà, prima fatto la corte a questa o a quella? Cosa c’è di male? pretendi forse che facciano una vita di monaco? Non sarebbe certo un piacere, cara mia, se tutti gli uomini fossero tanti Filippi, o tanti conti Rinaldi... t’assicuro io!

— «Ma già, ha ragione mio fratello...»

— «Che cosa dice?» domandai con un filo di voce a cui volli dare un tono fermo.

— «Dice.... cioè, diceva che le signorine sono delle povere grulle: perchè pigliate sul serio la cortesia più comune, e come una dichiarazione di amore una parola gentile. Vedete subito grande il doppio ogni cosa...»

In quella la carrozza si fermò: eravamo sui bastioni.

— «Che c’è?» dimandò l’Elisa...

— «Il marchese» rispose il domestico. E apparve la figura elegante e bella di mio cugino, che si affacciò allo sportello della carrozza.

Il suo volto era raggiante di allegrezza.

— «Ah, ah! vi ho preso! Ma che cos’hai, Conny? ti senti male!... Che cosa è accaduto?» disse spaventato, e tutta la sua fisonomia si rannuvolò.