Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 74 —


Mi pareva d’essere impietrita: immobile nel fondo della carrozza, cogli occhi fissi in quelli di lui, avrei voluto penetrare collo sguardo fino in fondo alla sua anima.

Egli passò dalla mia parte, e mi prese le mani; io le ritirai con ispavento: no! dissi con una voce rauca.

— «Ma che cos’hai? Conny! parla, oh parla! Mi vuoi far morire?!..» Il suo viso era coperto dl pallore — «Scendiamo! scendiamo! disse con impazienza l’Elisa saltando a terra.

— «Egli ha qui il phaiton, nevvero? — dissi — Potresti tornare a casa con lui.

— «Conny.... scendi.... ti prego!» Perché quella voce esercitava su me un fascino così irresistibile? Perché mi lasciai prendere le mani? e scesi di carrozza e lasciai che mi guardasse con amore, e mi dicesse con quella sua voce sommessa e dolce che mi fa tremare: «Grazie!»

Era una giornata fredda e nebbiosa dei primi di febbraio: non c’era anima viva sui bastioni.

L’Elisa volle passare sul viale che guarda giù nella strada di circonvallazione per vedere il tramway. Io camminavo come trasognata: Carletto mi prese la mano... un brivido mi corse dalla testa ai piedi... se la posò sul suo braccio. Egli rispondeva a tutte le domando curiose di sua sorella; e il suo braccio si stringeva sempre più al suo petto, come quella sera di Santo Stefano.