Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

105

CAPITOLO XXVI.




Come l’autore trova nel detto giardino Ercole, e la sua donna Deidamia, e di Jole.


Com’io mirando andava quel giardino,
     Vidivi in una parte effigïato
     Ercole grande a Cidippe vicino,
Ove con lui sedeva dall’un lato
     5Jole piacente e bella nello aspetto,
     Cui presa avea nel paese acquistato.
Non mirava Ercole altro che ’l cospetto
     Di lei, e qui tanta gioia prendea,
     Che duol li fora stato altro diletto.
10Rammaricando dopo lui vedea
     Istar tutta turbata Deianira,
     Perch’a sè ritornarlo non potea.
Il molle petto acceso in foco d’ira
     Mostrava ch’ell’avesse, ognor soffiando,
     15Forse per rabbia che in lei s’aggira.
Ma poco spazio parea che parlando
     Dicesse a lui: o signor valoroso,
     Volgiti a me, come tu suoli, amando,