Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 AMOROSA VISIONE

Oh come trista lì rammaricare
     20La vi vedea con quella spada in mano,
     Che fe’ poi la sua vita terminare!
Rompendosi le nere vesti, e invano
     Chiamando il nome d’Enea che l’atasse,
     Si pose quella al suo petto non sano;
25E poi sopr’essa parve si lasciasse
     Cader piangendo e sospirando forte,
     Perchè la spada di sopra passasse:
Forata quivi, dolorosa morte
     L’occupò sopra ’l letto, ove sedea
     30Prima piangendo sua misera sorte.
Appresso questa al mio parer vedea
     Tanto contenti Florio e Biancofiore,
     Quantunque più ciascuno esser potea:
Tututto il lor trapassato dolore
     35V’era dipinto degno di memoria,
     Pensando al lor perfettissimo amore.
E dopo questa piacevole storia,
     Vi vidi Lancillotto effigïato,
     Con quella che sì lungo fu sua gloria.
40Lì dopo lui dal suo destro lato
     Era Tristano, e quella di cui elli
     Fu più che d’altra mai innamorato,
E più assai ancora dopo a quelli
     N’avea ch’io non conobbi, o che la mente
     45Non mi ridice bene i nomi d’elli:
Ond’io, che in maggior parte la presente
     Faccia compresa avea, ritornai ’l viso
     A quella Donna più ch’altra piacente.