Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/173

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

161

CAPITOLO XL.




Dove nel detto giardino trova molte donne, delle quali s’innamora d’una sopra tutte l’altre.


La Donna mi parlava, ed io mirando
     Con l’occhio andava pure ove ’l disio
     Mi tenea fitto, non so che ascoltando.
Avevavi davanti al parer mio
     5Su quella riva assai donne vedute,
     Di cui veder in tal voglia venn’io,
Ch’io dissi: Donna mia, a mia salute
     Non pensar più ch’io voglia, a tempo e loco
     Farò d’adoperar la tua virtute;
10Ch’ora di nuovo m’è nel cuore un foco
     Venuto d’esser là; però o vienci,
     O tu m’aspetta in fin ch’io torni un poco:
In qual parte vorrai poi insieme andrenci,
     Nostra stanza fia poca veramente,
     15Che noi da veder quelle liberrenci.
Oltra n’andai senza più dir nïente
     Co’ due che mi traevano, e costei
     Quasi scornata mi teneva mente


AMOROSA VISIONE 11