Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/181

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

169

CAPITOLO XLII.




Dove nel medesimo giardino trova un’altra danza, dov’era la figliuola di Carlo.


E mentre ch’io n’andava sì parlando
     Con questi due, ed ecco d’altra parte
     Molte donne gentili assai danzando.
Certo non credo che natura od arte
     5Bellezze tante formasser giammai,
     Quanto ne’ visi a quelle vidi sparte:
Tra me medesmo men maravigliai,
     Ma volto il viso a lor come venieno,
     Così nella memoria le fermai.
10Onde mi par, che quella cui seguieno,
     Danzando a nota d’una canzonetta,
     Che due di quelle cantando dicieno,
Raffigurando, era una giovinetta
     Dell’alto nome di Calavria ornata,
     15Di Carlo figlia, gaia e leggiadretta,
Reggendo quella, alla nota cantata
     Con molti degni passi a cotal danza,
     Come mi parve appresso seguitata,